COSA FARE QUANDO IL BIMBO SI ROMPE UN DENTINO?

Basta una caduta, anche banale, ed ecco che il dente cade, si spezza o si annerisce, con grande spavento di adulti e bambino. Fortunatamente non sempre un trauma dentale si traduce in un danno permanente, ma è sempre necessaria una visita specialistica e un’attenta osservazione nel tempo, perché a volte gli esiti di un colpo su un dente possono presentarsi tardivamente.

È innanzitutto necessario:

  • non farsi prendere dal panico e tranquillizzare il bambino;
  • cercare il dente o frammenti di esso solo se il dente è permanente (nel caso immergerlo nell’acqua o nel latte);
  • rivolgersi il prima possibile a un dentista pediatrico.

    Bisogna infatti avere idee molto chiare riguardo alla gestione dei traumi e spesso solo lo specialista infantile è in grado di affrontare questo argomento, con le giuste competenze per eseguire una corretta diagnosi e trattare in modo differente i vari tipi di trauma.

bimbo con rollerbalde a terra